Ricordi di Vado: Rosetta Loy parla di Cesare Gàrboli e di sé

Nel libro Cesare, ricordo di Cesare Gàrboli, Rosetta Loy parla di Vado, in Versilia, del compagno e di sé. Nel libro Cesare, ricordo di Cesare Gàrboli, Rosetta Loy parla della casa di Vado, in Versilia, appartenente al compagno, dove la coppia suole passare lunghi periodi. Io ho amato tantissimo i lunghi silenzi di Vado e… Continua a leggere Ricordi di Vado: Rosetta Loy parla di Cesare Gàrboli e di sé

La campagna senese nelle pagine di Federigo Tozzi (1883-1920)

La campagna senese nelle pagine di Federigo Tozzi (1883-1920). Nel romanzo autobiografico Con gli occhi chiusi Federigo Tozzi (1883-1920) offre immagini intense, pari al paesaggio interiore del protagonista. La scrittura di Federigo Tozzi (Siena 1883 – Roma 1920) fu in buona parte autobiografica. Il suo romanzo Con gli occhi chiusi presenta il forte conflitto col… Continua a leggere La campagna senese nelle pagine di Federigo Tozzi (1883-1920)

Annunci di primavera nella Pineta di Marco Malvaldi

Annunci di primavera a Pineta, la località immaginaria di Marco Malvaldi La primavera si annuncia e lo nota Massimo, il barista dell’immaginaria località di Pineta, in Toscana, dove Marco Malvaldi (Pisa 1974) ambienta i suoi romanzi. In questi tempi di diffuso materialismo e di uso incontrollato delle risorse naturali, fa bene ristorarci osservando la Natura… Continua a leggere Annunci di primavera nella Pineta di Marco Malvaldi

Dal BarLume di Marco Malvaldi, una pagina sull’Epifania (ma non come ce la immaginiamo)

Dal BarLume di Marco Malvaldi l’Epifania viene vista dal punto di vista dei commercianti. Nel giallo A bocce ferme, Marco Malvaldi (Pisa 1974) descrive l’Epifania non nei suoi aspetti giocosi o celebrativi ma con il fare pratico dei commercianti, che della festa non vedono l’ora di liberarsi. Il giallo A bocce ferme di Marco Malvaldi… Continua a leggere Dal BarLume di Marco Malvaldi, una pagina sull’Epifania (ma non come ce la immaginiamo)

“Agosto” secondo Folgòre da San Gimignano (XIV sec)

Folgòre da San Gimignano ci ha lasciato alcuni sonetti, tra cui quelli dedicati ai mesi. Poeta e forse uomo di corte, Folgòre da San Gimignano ci ha lasciato alcuni sonetti dedicati ai mesi e ai giorni della settimana. Ecco “Agosto”, freschissimo e ricco di desideri esauditi. D’agosto si vi do trenta castellain una valle d’alpe montanina,che… Continua a leggere “Agosto” secondo Folgòre da San Gimignano (XIV sec)