Temporali d’estate: Proust (tradotto da Natalia Ginzburg)

Temporali d’estate: Proust (tradotto da Natalia Ginzburg) Le piogge e i temporali dell’estate a Combray nelle pagine di Marcel Proust, qui tradotto da Natalia Ginzburg È noto che Natalia Ginzburg (1916-1991), una delle maggiori scrittrici italiane del ‘900, cominciò a collaborare con l’editore Giulio Einaudi fin dalla fine degli anni ’30. È altresì noto che… Continua a leggere Temporali d’estate: Proust (tradotto da Natalia Ginzburg)

La Parigi di Rossana Campo: “Sono pazza di te”

La Parigi di Rossana Campo: Sono pazza di te, personaggi spostati che hanno molto da dire. In Sono pazza di te, di Rossana Campo presenta una Parigi di spostati e diseredati che hanno molto da dire. Rossana Campo (Genova 1963) ambienta il suo romanzo Sono pazza di te in una Parigi di spostati e diseredati… Continua a leggere La Parigi di Rossana Campo: “Sono pazza di te”

Sera a Trastevere nella Roma di Antonio Manzini

Sera a Trastevere nella Roma di Antonio Manzini Una sera a Trastevere, Roma, è lo sfondo per una confessione del vicequestore Rocco Schiavone, personaggio di Antonio Manzini Il personaggio creato da Antonio Manzini (Roma 1964) è il vicequestore Rocco Schiavone: romano di nascita, per una serie di circostanze finisce per esercitare il suo ruolo nella… Continua a leggere Sera a Trastevere nella Roma di Antonio Manzini

La scuola, l’estate: “Vite di pascolanti”, di Gianni Celati

La scuola, l’estate: Vite di pascolanti, di Gianni Celati La scuola, l’estate: pagine scelte da Vite di pascolanti, di Gianni Celati (1937-2022) In ricordo di Gianni Celati, scomparso il 3 gennaio di quest’anno, presentiamo alcune pagine tratte dal racconto Vite di pascolanti, contenuto nel volume che porta lo stesso titolo. L’estate già si annuncia nella… Continua a leggere La scuola, l’estate: “Vite di pascolanti”, di Gianni Celati

Arrivo a Belverde sull’Etna e buon compleanno a Luisa Adorno

Belverde sulle pendici dell’Etna. Luisa Adorno, racconta l’arrivo al piccolo paradiso. Belverde è la minuscola proprietà che il Prefetto Adorno possiede sulle pendici dell’Etna. Sua nuora Luisa Adorno, al secolo Mila Curradi, ci racconta con fare ironico e gioioso l’arrivo al paradiso. Belverde è la minuscola proprietà che il Prefetto Vicenzo Adorno possiede sulle pendici… Continua a leggere Arrivo a Belverde sull’Etna e buon compleanno a Luisa Adorno

Settembre ne “Gli occhiali d’oro”, di Giorgio Bassani (1916-2000)

La malinconia di settembre e del ritorno ne Gli occhiali d’oro di Giorgio Bassani. La malinconia di settembre in un brano tratto da Gli occhiali d’oro di Giorgio Bassani (1916-2000). Settembre porta con sé l’idea spesso malinconica del ritorno: si rientra a scuola, al lavoro, alle occupazioni da cui ci si è allontananti per le… Continua a leggere Settembre ne “Gli occhiali d’oro”, di Giorgio Bassani (1916-2000)

Ultima sera d’agosto: “Libera nos a Malo” e i ricordi di Luigi Meneghello

Libera nos a Malo e i ricordi di Luigi Meneghello Da Libera nos a Malo, di Luigi Meneghello, riflessioni sulla lingua ispirate al mese di agosto. Dallo splendido libro Libera nos a Malo, di Luigi Meneghello (1922-2007), ecco una pagina di ricordi d’infanzia e riflessioni sulla lingua ispirate al mese di agosto. “Libera nos a… Continua a leggere Ultima sera d’agosto: “Libera nos a Malo” e i ricordi di Luigi Meneghello

Ferragosto

Ferragósto era un’antica festività popolare che la Chiesa trasferì al 15 del mese. Ferragósto [lat. feriae Augŭsti «ferie d’agosto»], era una festività popolare celebrata il 1° agosto con una sospensione temporale dal lavoro. La Chiesa cattolica la trasferì al 15 del mese, facendola coincidere con la festa dell’Assunzione di Maria. Dal Canzoniere della nobildonna e poetessa petrarchista… Continua a leggere Ferragosto

‘E’ di estate nei “Sillabari” di Goffredo Parise (4)

Si conclude il racconto sull’estate a Capri dai Sillabari di Parise. Si conclude qui il magnifico racconto di una storia d’amore e delle sue stagioni dai Sillabari di Goffredo Parise (1929 – 1986). (segue) Mangiarono sulla terrazza di legno sconnesso “Da Luigi”, ma con tovaglia banca e bicchieri a calice di un vetro verde e… Continua a leggere ‘E’ di estate nei “Sillabari” di Goffredo Parise (4)

‘E’ di estate nei “Sillabari” di Goffredo Parise (3)

Dai Sillabari di Goffredo Parise la narrazione di una vacanza a Capri (segue) Scesero correndo lungo il sentiero e arrivarono ai piedi dei faraglioni. Lì entrarono in una cabina, appoggiarono maschere e pinne, si spogliarono in fretta nudi e si guardarono chiusi tra le vecchie assi piene di mare e di sale, poi si abbracciarono… Continua a leggere ‘E’ di estate nei “Sillabari” di Goffredo Parise (3)