“L’angelo di Monaco”: Fabiano Massimi indaga sull’ascesa al potere di Hitler

L’angelo di Monaco: Fabiano Massimi indaga sull’ascesa al potere di Hitler L’angelo di Monaco, di Fabiano Massimi, affronta la scomparsa di Geli Raubal, nipote di Adolf Hitler, e le possibli trame occulte dietro l’ascesa al potere del nazismo Il 19 settembre del 1931, Geli Raubal, nipote di Adolf Hitler, viene trovata morta, apparentemente suicida, nell’abitazione… Continua a leggere “L’angelo di Monaco”: Fabiano Massimi indaga sull’ascesa al potere di Hitler

19 marzo, Festa del padre, con “Lessico famigliare” di Natalia Ginzburg

19 marzo, Festa del padre con brani da Lessico famigliare di Natalia Ginzburg. 19 marzo, Festa del padre: presentiamo alcuni brani da Lessico famigliare di Natalia Ginzburg, con la voce di Giuseppe Levi, padre dell’autrice. Nel romanzo Lessico famigliare, pubblicato per la prima volta nel 1963, Natalia Ginzburg (1916-1991) rievoca il linguaggio di coloro che… Continua a leggere 19 marzo, Festa del padre, con “Lessico famigliare” di Natalia Ginzburg

L’estate di S. Martino ne “Il gardino dei Finzi-Contini” di Giorgio Bassani

L’estate di San Martino ne Il giardino dei Finzi-Contini di Giorgio Bassani, Giorgio Bassani fa rivivere l’estate di San Martino ne Il giardino dei Finzi-Contini: un eden dove nasce l’amore. L’estate di San Martino, con il suo sole autunnale, regala luce e ci ricorda il rinnovarsi delle stagioni, la rinascita di ogni cosa oltre l’oscurità… Continua a leggere L’estate di S. Martino ne “Il gardino dei Finzi-Contini” di Giorgio Bassani

28 ottobre 1922, marcia su Roma: “Conta le stelle se puoi”, di Elena Loewenthal

La marcia su Roma del 28 ottobre 1922 con Elena Loewenthal e Conta le stelle se puoi. La narrativa offre testimonianze che giungono degli anni in cui il fascismo ascese al potere in Italia. Qui la marcia su Roma, avvenuta il 28 ottobre 1922, attraverso le parole di Elena Loewenthal nel suo romanzo Conta le… Continua a leggere 28 ottobre 1922, marcia su Roma: “Conta le stelle se puoi”, di Elena Loewenthal

“Il pugno chiuso” di Arrigo Boito (5)

Un’efferata violenza caratterizza i personaggi del doppio racconto. Se Levy ha praticato l’usura, il greco Wasili è altrettanto spietato; per recuperare il suo credito farà esplodere la mano dell’ebreo. *** Il medico meravigliato, esclamò: «Siete pazzo? val meglio un pugno chiuso che un braccio monco».«E il mio fiorino rosso? – urlò Levy -il fiorino rosso… Continua a leggere “Il pugno chiuso” di Arrigo Boito (5)

“Il pugno chiuso” di Arrigo Boito (4)

Paw prosegue il suo racconto al narratore, il quale non manca di osservarne l’aspetto “fantastico”: proprio della Scapigliatura è infatti il gusto per l’orrido, lo spaventoso e lo straordinario, esemplificati qui anche da versi di Dante. *** Quando vide Simeòn così trafelato esclamò: «Da quale tregenda di streghe sei tu scappato buon Simeone? Se non… Continua a leggere “Il pugno chiuso” di Arrigo Boito (4)

“Il pugno chiuso” di Arrigo Boito (3)

Paw narra il sogno dell’usuraio Simeòn Levy: come altrove nella letteratura degli Scapigliati, anche nel racconto di Boito si manifesta l’inconscio, luogo di ansie, desideri, premonizioni. *** La notte che compì il mezzo secolo, salì nel solaio dove abitava, aperse lo scrigno e si mise a far conti. Contò pila per pila i ducati d’oro… Continua a leggere “Il pugno chiuso” di Arrigo Boito (3)