Festa Nazionale del Gatto: “Storie di animali e altri viventi”, di Alberto Asor Rosa

asor-rosa-festa-nazionale-del-gatto

Il 17 febbraio si celebra in Italia la Festa Nazionale del Gatto: noi lo facciamo con il grande Alberto Asor Rosa e il suo Storie di animali e altri viventi.

Il grande storico della letteratura e critico letterario Alberto Asor Rosa è anche un gradevolissimo scrittore. Ecco alcuni brani Storie di animali e altri viventi per celebrare i nostri felini.

Dal 1990, in Italia il 17 febbraio ricorre la Festa Nazionale del Gatto. La presenza intelligente, curiosa e simpatica di questi felini domestici ha meritato anche l’attenzione di una delle maggiori voci del nostro ‘900: Alberto Asor Rosa (Roma 1933), insigne accademico, storico della letteratura, critico letterario nonché autore di romanzi gradevolissimi.

Riportiamo qui alcune pagine tratte da Storie di animali e altri viventi, in cui la parola viene data agli animali, acuti osservatori del comportamento umano e, come nel caso del felino protagonista, anche un po’ filosofi. Ascoltiamo:

“Pa pensa da tempo (ma quand’era bambino con intensità e convinzione ancora maggiori di ora) che gli animali non siano in nulla inferiori agli umani: sono più eleganti, più resistenti, più coraggiosi, più affidabili, più adattabili, più sinceri, più affettuosi, più fedeli degli umani. Su di un solo punto non può non pensare che gli umani non la cedano agli animali: gli umani guardano il cielo, gli animali no. Persino gli uccelli vivono in cielo, ma non guardano il cielo: guardano diritti davanti a loro o intorno a loro, oppure guardano in basso, verso la terra; ma non guardano verso l’alto, verso il cielo.

«Da ciò, – pensa Pa, – deriva la maggior parte dei guai umani. Con le loro quattro zampe, e il loro sguardo sempre orientato verso il basso, gli animali sono solidamente ancorati alla terra, alla sua sempre cangiante e pure fortunatamente limitata perennità. A forza di osservare le nuvole che passano e di scrutare le profondità celesti che si levano sopra di noi, agli uomini – e anche alle donne, diciamo la verità, da questo punto di vista non c’è molta differenza, – gira la testa: perdono il controllo, si staccano, o vorrebbero staccarsi, da terra, arrivano a enfatizzare (anche brutalmente, anche ahimé, bestialmente) la loro diversità.

Del resto, si dice comunemente (per significare una situazione psicologica un po’ anormale): “montarsi la testa”; oppure “avere la testa fra le nuvole”. Si potrebbero usare queste espressioni, se gli uomini, e le donne, sapessero guardare solo verso terra, se anche loro, come ad esempio i cani e i gatti, fossero solidamente e tranquillamente ancorati all’unico elemento che li ha generati e gli consente di esserci?».

«Dunque, – conclude malinconicamente Pa, – anche quel solo carattere, che potrebbe apparire di superiorità, si risolve in un motivo di preoccupazione e di disfatta per la specie umana. Non è detto che siamo più felici perche siamo in grado di esplorare gli abissi del tempo e dello spazio, quelli di cui, appunto, abbiamo potuto scoprire l’esistenza solo guardando al di sopra di noi, verso il cielo».

A questo punto, immancabilmente, Pa si china ad accarezzarmi la testa. Si potrebbe pensare che voglia rassicurarmi. No, no: è lui che ha bisogno di essere rassicurato. Attraverso il contatto con me riprende il rapporto con il mondo reale, esce dalla stanza dei suoi pensieri, scende dalle nuvole alla terra, – la terra molto amata della sua infanzia, – cerca di calarsi nell’immaginazione limitata ma precisa di un essere vivente senza grandi orizzonti, ma sicuro di esserci, e senza grandi problemi perché c’è. Poi, ahimé, riprende a pensare.”

In questo giorno di festa, anche noi auguriamo lunga vita ai nostri amici domestici, i quali allietano le vite di tanti – lettrici, lettori, filosofi e amanti della natura e delle cose semplici.

Ludovica Valentini

I brani citati sono tratti da Storie di animali e altri viventi (Einaudi, 2005).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *